Mario Perrotta - Milite ignoto

Milite ignoto

di e con Mario Perrotta
visto all’ Elfo Puccini di Milano _ 20 giugno 2015.

Un uomo salta sul treno che lo porterà al fronte: forse lo ignora ma in quell’istante la sua identità si squarcia, scissa tra il piede dietro, ancorato alla terra, che appartiene al civile, e quello davanti, che monta in carrozza, proprietà del soldato. Il passaggio dalla civiltà alla guerra è un fermo-immagine di disappropriazione dinamica.
È pressappoco così che la vede Mario Perrotta mentre dà fuoco alle polveri del suo Milite ignoto-quindicidiciotto, spettacolo-racconto sulla prima guerra mondiale che ha debuttato sotto forma di studio-reading il settembre scorso e che viene ora proposto all’Elfo Puccini per un’unica data, in occasione dei premi Hystrio.

Seduto su alcuni sacchetti di sabbia, sineddoche scenografica del paesaggio di trincea, Perrotta presta il suo corpo alla moltitudine di voci dei coscritti che, quella guerra, l’hanno vissuta in prima persona. Soldati semplici,…

[more]

Recensioni

  • Mario Perrotta - Milite ignoto
    Milite ignoto

    di e con Mario Perrotta
    visto all’ Elfo Puccini di Milano _ 20 giugno 2015.

    Un uomo salta sul treno che lo porterà al fronte: forse lo ignora ma in…

Focus

Sguardi sulla Grecia

Bacheca

  • Odissey
    Ulisse sbarca a Milano!

    Un anno fa, il 15 maggio 2014, veniva presentato a Milano il progetto internazionale Meeting the Odyssey: una delle più iniziative più strutturate e articolate nel recente revival di rivisitazioni…

Architetture in Scena

  • 07-OHT-dny
    Delirious “Niu Iorc”

    Il celebre libro di Rem Koolhaas su Manhattan nella messa in scena di Office for a Human Theatre.

     

    È possibile tradurre in uno spettacolo teatrale uno dei più famosi libri di…

Ultimo numero

  • Ventinove 2014. Expo, Milano e cultura: quale spazio per il teatro?

    Per Milano, in questo 2015 che sarà ancora di recessione e incertezza, l’appuntamento da molto tempo segnato in agenda è l’Esposizione universale. Per abbreviare, l’Expo. Forse non sarà Storia con la s maiuscola, ma inevitabilmente polemica e attese sono cresciute intorno a questi sei mesi che regaleranno alla “capitale morale” d’Italia una platea internazionale e che in tanti, tra politici, imprenditori e pensatori, hanno già definito l’occasione del rilancio, del riscatto, della ripartenza.

    Il cuore del nuovo Taccuino di Stratagemmi sono le sfide e le prospettive del settore cultura: Expo gioverà al sistema milanese, provato ma tutto sommato resistente, nonostante la crisi e i pochi (pochissimi) soldi che circolano? Si riuscirà a valorizzare la forza propulsiva del tessuto artistico della città, quello teatrale in primis? Oppure sarà solo uno spreco di energie o, magari, più semplicemente e tristemente, un’occasione persa?
    Lo speciale di Stratagemmi si articola in approfondimenti, interviste, sguardi critici…

  • Ventinove 2014: Studi

    In questo numero torniamo, ancora una volta, alle radici del teatro. Due studi indagano il testo aristofaneo sul nuovo e fecondo versante degli aspetti performativi. Nel primo saggio, Cristiana Caserta dedica un’analisi approfondita alla parodo delle Nuvole: le didascalie sceniche sono da prendere in considerazione per quello che descrivono o piuttosto per quello che non descrivono? Quanto contava l’agire scenico nel teatro antico? Lo studio di Camilla Lietti è invece dedicato all’apparizione del mostro proteiforme Empusa nelle Rane: in un contesto critico che ancora dibatte sull’effettiva presenza o meno del personaggio in scena, l’attenta analisi e contestualizzazione del passo puntella un’interpretazione estremamente seducente, per cui sarebbe un danzatore a inscenare le mille forme dell’Empusa su note ditirambiche.

    E se la commedia antica è alle radici della nostra satira e del nostro modo di ridere, non peregrina appare l’idea di mapparne il lessico specifico dalle origini fino ai nostri giorni. Di…

  • Ventotto 2013: L’autore non abita più qui?

    Il nuovo numero di Stratagemmi è dedicato alla Giornata di studio L’autore non abita più qui? Il rapporto tra autore drammatico e regista nel sistema teatrale italiano.
    All’incontro – svoltosi all’Università degli Studi di Milano il 30 novembre 2012 e organizzato dal Cendic (Centro Nazione Drammaturgia Italiana Contemporanea) e dal Cam (Coordinamento Autori Milanesi) – hanno partecipato studiosi e registi, drammaturghi e operatori.
    A introdurre l’iniziativa sono le riflessioni di Ira Rubini e Massimo Sgorbani. Mentre Alberto Bentoglio, Maria Gabriella Cambiaghi, Maddalena Giovannelli, Marco Pernich, Margaret Rose affrontano la questione in una prospettiva storica: le relazioni mettono in luce come si è evoluto il rapporto tra autore e regista da Goldoni/Medebach a Ettore Gaipa, fino alle più recenti voci della drammaturgia italiana e anglosassone.
    Nella seconda parte, la parola va ad autori, registi, attori, operatori attivi nel territorio italiano: Andrée Ruth Shammah, Renato Sarti, Alberto Oliva, Pierpaolo Palladino, Mimma Gallina, Renato…

Social



Dal nostro e-shop