Dal nostro store

Numero della settimana:
Un numero dall’archivio di Stratagemmi in offerta speciale.

Abbonamenti:
Vuoi ricevere regolarmente Stratagemmi a casa?

Antig2

Festival Atene-Epidauro 2016 # 5 – Insieme per Sofocle: Antigone e Edipo Re

Qualche mese fa i due teatri statali di Atene e Salonicco hanno siglato insieme al Thok, il Teatro nazionale di Cipro, una co-produzione storica. A unire forze e intenti è stato Sofocle. Il progetto infatti, pensato per il festival, ruota intorno ad Antigone. Questa importante collaborazione, mossa dall’idea che “il futuro è insieme”, lascia ben sperare anche per l’avvenire.
Stathis Livathinòs, che da un anno è il dinamico direttore artistico del Teatro Nazionale di Atene, si occupa della regia, e, per decisione unanime, gli interpreti appartengono ai tre poli teatrali: neodiplomati giovanissimi sono Antigone, Ismene ed Emone, attori più maturi recitano gli altri ruoli e il Coro dei vecchi Tebani è composto da attori di lungo corso, affiancati da un quartetto di voci femminili che si dispiegano su ritmi di sapore mediterraneo. Il risultato? Un mix di esperienze e generazioni che funziona a tratti. A volte, infatti, la recitazione dei…

[more]
Dal nostro canale youtube: Eresia della Felicità

Recensioni

  • ZVIZ_02BERLIN[berlinberlin.be]_DEF
    A Centrale Fies torna la dignità della domanda

    “Non esiste un luogo immutato e immutabile perché inevitabilmente, prima o poi, qualcosa accade: la realtà rompe i confini del microcosmo che hai recintato e tutto assume un’altra forma”. Recita…

Focus

Festival

Sguardi sulla Grecia

Architetture in scena

Ultimo numero

  • Trentadue 2015: Intorno ad Alcesti

    Lo spettacolo Alcesti, per la regia di Massimiliano Civica, è andato in scena tra il 30 settembre e il 26 ottobre 2014 all’ex Carcere delle Murate di Firenze, per soli venti spettatori a serata (e ha vinto il Premio Ubu 2015 come migliore regia). Intorno a questa esperienza, significativa per molti aspetti, si snodano i contributi che leggerete nelle prossime pagine.

    Ma perché dedicare un intero numero a un allestimento andato in scena solo per un mese, in un unico luogo, che pochissimi hanno avuto la fortuna di vedere? Perché Alcesti rappresenta, a nostro avviso, un exemplum di vitale ripensamento dell’antico, un’occasione di riflessione intorno alle possibili prassi per la messa in scena del teatro greco oggi. Così, partendo da questo particolare caso studio, abbiamo allargato gli orizzonti, indagando cosa separa una mera riproposizione della nostra tradizione teatrale da una re-interpreta-zione capace di produrre nuovi scarti di senso.

    Nella prima…

  • Trentuno 2015: Appetiti in scena / ExpoShakespeare

    Nelle pagine di questo numero diamo spazio a due iniziative complementari, entrambe di grande valore, nate in seno al dipartimento di Lingue e Letterature straniere dell’Università degli Studi di Milano. Appetiti in scena, un ciclo di incontri ideato da Caroline Patey e realizzato in collaborazione con il Piccolo Teatro, è un affascinante viaggio tra i banchetti, le feste e le cerimonie del teatro europeo: dai sanguinari pasti della tragedia greca alla strabordante pancia di Falstaff, dal cibo immateriale di Beckett e Ionesco fino ai cannibali di George Tabori.
    Il progetto ExpoShakespeare – curato da Maracristina Cavecchi e Margaret Rose e pensato come un articolato laboratorio partecipativo per gli studenti – ha invece scandagliato i testi del Bardo attraverso la lente del cibo: accanto a studiosi di teatro inglese sono stati coinvolti esperti di nutrizione, professionisti del mondo del teatro, psicoterapeuti. Un coraggioso progetto interdisciplinare che ci ricorda come il corpus…

  • Ventinove/Trenta 2014. Expo, Milano e cultura: quale spazio per il teatro?

    Per Milano, in questo 2015 che sarà ancora di recessione e incertezza, l’appuntamento da molto tempo segnato in agenda è l’Esposizione universale. Per abbreviare, l’Expo. Forse non sarà Storia con la s maiuscola, ma inevitabilmente polemica e attese sono cresciute intorno a questi sei mesi che regaleranno alla “capitale morale” d’Italia una platea internazionale e che in tanti, tra politici, imprenditori e pensatori, hanno già definito l’occasione del rilancio, del riscatto, della ripartenza.

    Il cuore del nuovo Taccuino di Stratagemmi sono le sfide e le prospettive del settore cultura: Expo gioverà al sistema milanese, provato ma tutto sommato resistente, nonostante la crisi e i pochi (pochissimi) soldi che circolano? Si riuscirà a valorizzare la forza propulsiva del tessuto artistico della città, quello teatrale in primis? Oppure sarà solo uno spreco di energie o, magari, più semplicemente e tristemente, un’occasione persa?
    Lo speciale di Stratagemmi si articola in approfondimenti, interviste, sguardi critici…

Social

ADS