Diciannove 2011

12,00

Descrizione

Descrizione

Nella prima parte di questo numero, uno studio di Matteo Cadario sul programma decorativo del Portico di Pompeo. Seguono due articoli di Luca Daino su Anna, dramma in tre atti di Franco Fortini. Per gli amanti del cinema, non poteva mancare un approfondimento di Marcello Zagaria sul film-omaggio, che Wim Wenders ha dedicato a Pina Baush. Dance, dance, otherwise we are lost.

Il Taccuino vuole offrire una panoramica, attraverso testimonianze, interviste e riflessioni, del teatro di resistenza, di denuncia ma anche di intrattenimento, delle zone del mondo più colpite da crisi, guerre e dittature. Si parla di Atene con Gilda Tentorio e del teatro dissidente bielorusso con Francesca Gambarini. Segue l’intervista al libanese Roger Assaf (realizzata da Anna Gallo Selva) e un approfondimento sul teatro iraniano di Graziano Graziani. Davide Carnevali e Manuela Cherubini raccontano a Maddalena Giovannelli il teatro argentino, per concludere con il saggio di Rafael Spregelburd (trad. di Manuela Cherubini) sul rapporto fra artisti, realtà e rappresentazione Non so ancora se il mio problema sia la realtà, la sua rappresentazione, o tutto il resto

Consulta l’indice completo.